SJ WorldNews - шаблон joomla Авто
Ultime Notizie
Corso di formazione/informazione - Legge 112-2016 Dopo di Noi e la Riforma del Terzo Settore

SCARICA IL MODULO DI ISCRIZIONE IN ALLEGATO

- Venerdì, 13 Ottobre 2017 15:54
INVITO:35° ANNIVERSARIO AVULSS CATANIA

 

 

 

- Giovedì, 05 Ottobre 2017 15:49
Sostieni LAD ONLUS

LAD ONLUS

Nasce per garantire il "Cure & Care" ai bambini con malattia oncologica e alle loro famiglie. 

Arte e creatività sono gli strumenti elettivi affinché la malattia non ostacoli il processo naturale di crescita. L’obiettivo è quello di accompagnare e sostenere i bambini nella malattia dando loro l’opportunità di vivere in un ambiente stimolante e familiare. Offrire ai bambini l’opportunità di esprimere il trauma della malattia attraverso la creatività, consente di fare prevenzione sugli effetti a lungo termine che la diagnosi di cancro implica. Lo strumento d’arte, non verbale, si pone come modalità rispettosa delle difese attivate per far fronte alla profonda sofferenza in corso.

Nel Cure & Care, la bellezza dei luoghi nei quali si svolge la cura, è fondamentale. Per questo LAD ONLUS progetta, crea e realizza all’interno dei reparti di oncologia pediatrica, luoghi dove si curano e ci si prende cura dei bambini (Cure & Care”) trasformando reparti dell’ospedale e creando strutture dedicate di residenza a esso collegate. In questi spazi il bimbo viene accolto e curato. Nelle strutture di residenza dedicate ne viene accompagnata la sua permanenza insieme alla sua famiglia, anche nel tempo che intercorre tra una cura e l’altra. Tutto questo lo realizza attraverso LAD PROJECT: un modus operandi che, tramite concorsi di architettura, seleziona i migliori progetti dedicati ai bambini che affrontano la malattia. L'obiettivo è il benessere dei bambini e delle loro famiglie.

Per maggiori informazioni: www.ladonlus.org.

https://drive.google.com/open?id=0B6F3j3NFcuGSVVpXOVpPVEYtR2M

- Giovedì, 05 Ottobre 2017 08:30
Conferenza del volontariato, verso i "nuovi CSV"
C'era anche il Centro di Servizio per il Volontariato Etneo alla Conferenza Nazionale di CSVnet, conclusasi domenica. Un momento fondamentale nel passaggio determinato dalla riforma del Terzo Settore, al quale il CSVE era rappresentato dal presidente Salvo Raffa, dal consigliere Paolo Santoro e dall'operatore Marco Gurrieri.

Questa fase è stata descritta dal presidente uscente di CSVNet, Stefano Tabò, come quella in cui si deve “attraversare una porta e ‘cambiare casa’”: i decreti attuativi del codice del terzo settore investono infatti ampiamente il sistema dei Centri a partire dalla loro riorganizzazione territoriale. “CSVnet presidierà questo passaggio; troveremo le condizioni migliori per assolvere il compito di promuovere ed essere al servizio del volontariato, secondo quanto il Codice ci affida. Le funzioni cui i CSV sono chiamati sono  più ampie; dovremo ‘arredare’ questa nuova casa con tutti gli strumenti e le professionalità di cui siamo capaci e che abbiamo potuto  riscontrare anche dai gruppi di lavoro che hanno affrontato gli aspetti più importanti circa il futuro dei CSV”.
“Il percorso attuativo della riforma del Terzo settore non è finito e siamo nel pieno di un delicato momento di passaggio. Anche se non credo nei presidenti “a vita” penso che ci siano le condizioni per poter lavorare assieme ai Centri in modo partecipato; sono quindi disponibile a confermare la presidenza per il tempo necessario ad accompagnare questa fase di transizione”, ha aggiunto Tabò sciogliendo le riserve circa il rinnovo del suo incarico per il prossimo triennio (le elezioni sono previste all’inizio del 2018). L’annuncio è arrivato in chiusura della conferenza più partecipata nella storia di CSVnet: 378 iscritti provenienti dai CSV di tutta Italia hanno animato il quartiere Pigneto di Roma per l’incontro annuale, organizzato quest’anno in collaborazione con i CSV del Lazio.
La conclusione della conferenza è stata anche l’occasione per illustrare alcune fra i progetti più importanti a cui sta lavorando CSVnet: come la nuova Area riservata, la piattaforma interna che metterà a disposizione dei CSV strumenti e informazioni sulla vita associativa di CSVnet  e che darà la possibilità ai Centri di disporre di un proprio spazio in cui gestire in autonomia documenti, dati sulle attività e i loro strumenti di lavoro quotidiano.
Connesso all’Area riservata è il nuovo sito di CSVnet, on line dalla conferenza e che sarà la “voce” ufficiale dell’associazione dei Centri di servizio, aumentando fortemente la sua matrice informativa. Sul piano della comunicazione è stata anche presentata in anteprima la copertina del volume “20 anni di servizio” il reportage che racconterà la storia dei CSV per celebrare questo importante anniversario.
Grande successo anche per Infobandi CSVnet, la piattaforma online lanciata lo scorso anno per supportare i CSV e le organizzazioni del Terzo settore nella ricerca delle opportunità migliori per finanziare i propri progetti e attività. In soli 14 mesi di attività sono 216 i bandi pubblicati -  con una media di 15 bandi al mese.
Tra gli altri progetti presentati, l’accordo con Pro Bono Italia, la rete di studi legali che offrono consulenze gratuite per il non profit. Aggiornamento anche sul progetto "Volontariato in stazione”, che grazie all’accordo di CSVnet con Ferrovie dello Stato Italiane e Rete Ferroviaria Italiana, in questi anni ha portato all’affidamento grazie ai CSV di 12 scali in comodato d'uso gratuito. La conferenza si è conclusa con l’assemblea dei soci.

- Mercoledì, 04 Ottobre 2017 14:36
NO Profit Challenge

Immagine incorporata 1

 Il 03 Ottobre 2017 alle ore 15.30 presso il Centro Direzionale Nuovaluce di Tremestieri Etneo (via Nuovaluce 67, Catania) ti invitiamo all’evento di presentazione del progetto e dell'App  NPC ad esso collegata che ti aiuterà a vivere meglio, da operatore e volontario, il mondo del terzo settore.

 

Come? Permettendo di promuovere le attività della tua associazione ed organizzazione o il tuo network.

 

NPC è luogo virtuale che permetterà l’incontro di persone che partecipano ad attività di volontariato e di organizzazioni ed associazioni che operano nel mondo del terzo settore.

 

Grazie a questo strumento verrai aiutato anche nel creare nuove reti associative e potrai conoscere tantissimi volontari che vogliono aiutare la tua organizzazione. Inoltre, ci sarà un momento dedicato alla presentazione di tutte le associazioni che daranno la propria conferma di partecipazione attraverso la compilazione di questo form. 

https://goo.gl/forms/uDkls5F3mMHQw4bb2

E allora che aspetti? 
Vai su www.noprofitchallenge.orgiscriviti e inserisci le tue Attività!

Immagine incorporata 2

- Sabato, 30 Settembre 2017 19:28
ABIO IN PIAZZA

- Mercoledì, 27 Settembre 2017 14:38
Giornata nazionale della Memoria e dell'accoglienza

- Martedì, 26 Settembre 2017 13:22
XXXII CORSO DI FORMAZIONE AVO

- Lunedì, 25 Settembre 2017 10:04
“Festa dei nonni”

In occasione della “Festa dei nonni”, che ricorre il 2 ottobre, il CSVE intende realizzare un’attività di comunicazione che sottolinei il valore del rapporto intergenerazionale e dei legami familiari.

A tal fine, si invitano tutte le associazioni attive nel settore della Terza Età e della famiglia a inviare, entro mercoledì 27 settembre, un proprio contributo scritto (racconto di un’esperienza, resoconto di attività significative, testimonianze etc.) della misura compresa fra 500 e 1.000 caratteri spazi inclusi, con una fotografia a corredo.

Il materiale, da trasmettere all’email redazione@csvetneo.org, sarà utilizzato per una pubblicazione sul quotidiano La Sicilia, sul sito web www.csvetneo.org e sui canali social del CSVE.

Per eventuali chiarimenti, rivolgersi alla segreteria.

 

- Mercoledì, 20 Settembre 2017 12:45
Mani Tese cerca volontari per il Natale

 

- Mercoledì, 20 Settembre 2017 08:31
Ecco i ritardatari del 5xmille 2017

 

Sono stati pubblicati ieri, 12 settembre, gli elenchi degli enti del volontariato (oltre che delle associazioni sportive dilettantistiche e degli enti della ricerca scientifica) che hanno presentato in ritardo la domanda di iscrizione al 5 per mille (la scadenza era fissata all’8 maggio):

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/home/cosadevifare/richiedere/iscrizione+elenchi+5+per+mille+2017/elenchi+5xmille2017/elenchi+iscritti+5xmille2017/iscritti+tardivi+5xmille2017

 

Questi ritardatari hanno poche settimane di tempo per sanare la loro posizione: fino al 2 ottobre, infatti, possono ancora trasmettere la domanda; entro la stessa data, inoltre, devono inviare anche la dichiarazione sostitutiva nel caso in cui non fosse già stata trasmessa (per Onlus e volontariato, alle Direzioni Regionali) e infine versare una sanzione di importo pari a 250 euro tramite il modello F24, con codice tributo 8115. Naturalmente, i requisiti per l’accesso al beneficio del 5 per mille 2017 devono comunque essere posseduti alla data di scadenza delle domande d’iscrizione.

L’Agenzia ha fatto sapere che gli elenchi dei soggetti che si iscrivono tardivamente verranno aggiornati periodicamente. Sono aggiornati al 25 maggio gli elenchi degli iscritti permanenti, che quindi non hanno più l’onere di presentare tutti gli anni la domanda di iscrizione e la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Documentazione/Archivio+5permille/Elenco+permanente+degli+iscritti/Enti+del+volontariato) .

 

Il CSVE è a disposizione, con i suoi esperti, per consulenze e sostegno alle OdV negli adempimenti connessi con il 5 per mille.

- Mercoledì, 13 Settembre 2017 12:24
CSVE: Incontro a RG

Spett.li Associazioni di Ragusa e provincia,

Dall'1 al 30 Settembre è possibile presentare l’istanza per l’iscrizione  al registro regionale del volontariato per le organizzazioni di volontariato L.R. 22/94, costituite da almeno sei mesi (L. 266/91).

Si ricorda che ai sensi del Decreto Assessoriale - D.A. n. 1320 del 07/06/16  farà fede la data di arrivo al Dipartimento della Famiglia, pena l’irricevibilità dell'istanza stessa (non fa fede il timbro postale).

A tal proposito  il CSVE organizza per le Associazioni di RAGUSA e provincia il seguente incontro :

- Mercoledì 20 settembre presso la sede del CRAV, sita in Via Trieste n. 58 - Ragusa, alle ore 16.30 

Cordiali saluti

Il CSVE 

- Martedì, 12 Settembre 2017 12:35
Rassegna “Corti in Cortile”

Preg.me Associazioni,

nell’ambito della rassegna “Corti in Cortile”, per iniziativa dell’Associazione culturale “Visione arte” di Catania, il CSVE promuove il seminario "Cine-web" rivolto a n. 30 volontari.

La finalità del laboratorio è quella di consentire ai partecipati di acquisire o perfezionare le competenze di base necessarie per creare un video, adottare le strategie idonee per la creazione di un filmato di  maggiore effetto comunicativo e conoscere i concetti di marketing di distribuzione di contenuti sulle svariate piattaforme diffuse su internet.

Coordinato dal regista Davide Catalano, direttore artistico di “Corti in Cortile”, il laboratorio si terrà presso il Palazzo della Cultura di Catania (Via Vittorio Emanuele n. 121) in tre incontri:

- venerdì 22 settembre, dalle ore 09:00 alle 12:00;

- sabato 23 settembre, dalle ore 15:00 alle 18:00;

- domenica 24 settembre dalle ore 17:00 alle 20:00.

Interverranno Enrico Guarnieri;  il  Prof. Tommaso Ariemma, pop-filosofo e professore di Filosofia; il regista Bruno Mirabella;  Damiano Ricci, Direttore Marketing – BIM Distribuzione; Marco Giusti, critico cinematografico, autore, saggista, regista.  Inoltre la domenica, dopo l’incontro con Marco Giusti, ci sarà un interessante appuntamento con  Leo Gullotta, attore e doppiatore Italiano.

 La partecipazione è gratuita ed è aperta a Volontari iscritti ad organizzazioni di Volontariato, con i seguenti requisiti:

-       età non superiore a 35 anni (ovvero non devono aver compiuto 36 anni alla data di inizio del laboratorio);

-       competenze informatiche di base;

-       capacità di uso di social network.

Ogni OdV potrà iscrivere al massimo n. 2 volontari.

La richiesta di iscrizione dovrà essere trasmessa dall’interessato o dal presidente della OdV

e dovrà riportare: nome e cognome, età e OdV di appartenenza del partecipante.

Avranno diritto a partecipare al laboratorio i primi 30 iscritti (in ordine di arrivo della richiesta). I termini di iscrizione scadranno comunque martedì 19 settembre.

 

PER ISCRIVERSI CLICCARE QUI

 

Il Csve

- Martedì, 12 Settembre 2017 09:48
CSVE • Incontro a SR

Spett.li Associazioni di Siracusa e provincia,

Dall'1 al 30 Settembre è possibile presentare l’istanza per l’iscrizione  al registro regionale del volontariato per le organizzazioni di volontariato L.R. 22/94, costituite da almeno sei mesi (L. 266/91).

Si ricorda che ai sensi del Decreto Assessoriale - D.A. n. 1320 del 07/06/16  farà fede la data di arrivo al Dipartimento della Famiglia, pena l’irricevibilità dell'istanza stessa (non fa fede il timbro postale).

A tal proposito  il CSVE organizza per le Associazioni di Siracusa e provincia il seguente incontro :

- Lunedì 11 settembre presso la Parrocchia della Sacra Famiglia, sita in Viale dei Comuni n. 14 - Siracusa, alle ore 17.00 

Cordiali saluti

Il CSVE 

- Venerdì, 08 Settembre 2017 19:21
Iscrizione al registro regionale del volontariato

AVVISO PER LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO 

Dall'1 al 30 Settembre è possibile presentare l’istanza per l’iscrizione  al registro regionale del volontariato per le organizzazioni di volontariato L.R. 22/94, costituite da almeno sei mesi (L. 266/91).

Si ricorda che ai sensi del Decreto Assessoriale - D.A. n. 1320 del 07/06/16  farà fede data di arrivo al Dipartimento della Famiglia, pena l’irricevibilità dell'istanza stessa. (non fa fede il timbro postale).

Fac simili disponibili sul sito internet nella pagina modulistica.

Per informazioni è possibile contattare la segreteria del CSVE e/o fissare un appuntamento con i nostri consulenti.

 

- Venerdì, 08 Settembre 2017 11:31
Riapertura uffici CSVE

Spett.li Associazioni, 

ricordiamo che da ieri, lunedì 4 settembre, sono regolarmente attivi gli uffici del CSVE, con gli operatori presenti nelle seguenti strutture :

  • Casa del Volontariato di ACIREALE : dal lunedì al venerdì, dalle ore 09.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00, presso i locali di Via Aranci n. 16 – Acireale
  • Casa del Volontariato di LIBRINO :  martedì e giovedì pomeriggio dalle ore 15.00 alle 19.00 ; mercoledì e venerdì mattina dalle ore 09.00 alle 13.00, presso i locali di Viale Castagnola n. 4 – Librino (CT)
  • ENNA: presso i locali dell’ex sede A.V.O. in via della Resistenza n. 92, nei pressi degli uffici anagrafe di Enna bassa, ogni mercoledì dalle ore 16.00 alle 18.00
  • SIRACUSA : presso la Parrocchia della Sacra Famiglia, sita in viale dei Comuni n. 14, Siracusa,  ogni lunedì dalle ore 16.00 alle 18.00
  • RAGUSA: presso il CRAV, sito in via Trieste n. 58, Ragusa, ogni giovedì dalle ore 16.00 alle 18.00

  

Cordiali saluti

Il CSVE

 

- Martedì, 05 Settembre 2017 15:34
7° Corso base per il VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO

- Venerdì, 01 Settembre 2017 12:53
Giochi in spiaggia

- Martedì, 22 Agosto 2017 07:34
Codice del Terzo Settore, legge in vigore
 

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrato in vigore il Codice del Terzo settore. La parola riordino, usata più volte anche dal sottosegretario Luigi Bobba, “padre” della riforma, è la più appropriata per indicare lo scopo principale del Codice. Tre esempi sono sufficienti a farne comprendere la portata.

PRIMO: vengono abrogate diverse normative, tra cui due leggi storiche come quella sul volontariato (266/91) e quella sulle associazioni di promozione sociale (383/2000), oltre che buona parte della “legge sulle Onlus” (460/97).

SECONDO: vengono raggruppati in un solo testo tutte le tipologie di quelli che da ora in poi si dovranno chiamare Enti del Terzo settore (Ets). Ecco le sette nuove tipologie: organizzazioni di volontariato (che dovranno aggiungere Odv alla loro denominazione); associazioni di promozione sociale (Aps); imprese sociali (incluse le attuali cooperative sociali), per le quali si rimanda a un decreto legislativo a parte; enti filantropici; reti associative; società di mutuo soccorso; altri enti (associazioni riconosciute e non, fondazioni, enti di carattere privato senza scopo di lucro diversi dalle società).

Restano dunque fuori dal nuovo universo degli Ets, tra gli altri: le amministrazioni pubbliche, le fondazioni di origine bancaria, i partiti, i sindacati, le associazioni professionali, di categoria e di datori di lavoro. Mentre per gli enti religiosi il Codice si applicherà limitatamente alle attività di interesse generale di cui all’esempio successivo.

Gli Enti del Terzo settore saranno obbligati, per definirsi tali, all’iscrizione al Registro unico nazionale del Terzo settore (già denominato Runts...), che farà quindi pulizia dei vari elenchi oggi esistenti. Il Registro avrà sede presso il ministero delle Politiche sociali, ma sarà gestito e aggiornato a livello regionale. Viene infine costituito, presso lo stesso ministero, il Consiglio nazionale del Terzo settore, nuovo organismo di una trentina di componenti (senza alcun compenso) che sarà tra l’altro l’organo consultivo per l’armonizzazione legislativa dell’intera materia.

TERZO: vengono definite in un unico elenco riportato all’articolo 5 le “attività di interesse generale per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale” che “in via esclusiva o principale” sono esercitati dagli Enti del Terzo settore. Si tratta di un elenco, dichiaratamente aggiornabile, che “riordina” appunto le attività consuete del non profit (dalla sanità all’assistenza, dall’istruzione all’ambiente) e ne aggiunge alcune emerse negli ultimi anni (housing, agricoltura sociale, legalità, commercio equo ecc.).

Gli Ets, con l’iscrizione al registro, saranno tenuti al rispetto di vari obblighi riguardanti la democrazia interna, la trasparenza nei bilanci, i rapporti di lavoro e i relativi stipendi, l’assicurazione dei volontari, la destinazione degli eventuali utili.

Ma potranno accedere anche a una serie di esenzioni e vantaggi economici previsti dalla riforma: circa 200 milioni nei prossimi tre anni sotto forma, ad esempio, di incentivi fiscali maggiorati (per le associazioni, per i donatori e per gli investitori nelle imprese sociali), di risorse del nuovo Fondo progetti innovativi, di lancio dei “Social bonus” e dei “Titoli di solidarietà”.

Una parte consistente del Codice (sei articoli, dal 61 al 66, pari al 14% dell’estensione del testo) è dedicata ai Centri di servizio per il volontariato (CSV), interessati da una profonda revisione in chiave evolutiva che ne riconosce le funzioni svolte nei primi 20 anni della loro esistenza e le adegua al nuovo scenario. A cominciare dall’allargamento della platea a cui i CSV dovranno prestare servizi, che coinciderà con tutti i “volontari negli Enti del Terzo settore”, e non più solo con quelli delle organizzazioni di volontariato definite dalla legge 266/91 (anche se in realtà era già cospicua la quota di realtà del terzo settore “servite” in questi anni) I Centri – che dovranno essere di nuovo accreditati – verranno governati da un inedito Organismo nazionale di controllo (Onc) e dalle sue articolazioni territoriali (Otc), le cui maggioranze saranno detenute dalle fondazioni di origine bancaria. Sarà inoltre ridotto il numero complessivo dei Centri in riferimento ad alcuni parametri territoriali. Nella governance dei CSV potranno entrare tutti gli Ets (secondo il cosiddetto principio delle “porte aperte”), lasciando però al volontariato la maggioranza nelle assemblee. Saranno previsti nuovi criteri di incompatibilità tra la carica di presidente di un CSV e altre cariche, ad esempio ministro, parlamentare, assessore o consigliere regionale o di comuni oltre i 15 mila abitanti. I CSV, insieme alle Reti associative nazionali, potranno essere autorizzati dal ministero delle Politiche sociali all’“autocontrollo degli Enti del Terzo settore”. Viene infine centralizzato e ripartito a livello nazionale il fondo per il funzionamento dei CSV, che continuerà ad essere alimentato da una parte degli utili delle fondazioni di origine bancaria e da un credito di imposta fino a 10 milioni, a regime, che queste ultime si vedranno riconoscere ogni anno.

(fonte: RedattoreSociale)

Altre info su:

http://www.vita.it/it/article/2017/08/02/codice-del-terzo-settore-i-100-articoli-del-decreto-in-gazzetta/144216/

 

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/08/02/17G00128/sg

- Sabato, 05 Agosto 2017 08:36
Nuove cariche CSVE, Raffa presidente

 

 Salvo Raffa è stato confermato presidente del Centro di Servizio per il Volontariato Etneo. Il giovane volontario, 37 anni, di Acireale, ha ricevuto il nuovo mandato dal Consiglio Direttivo, riunitosi per la prima volta dopo l’assemblea dei soci, che ha anche eletto Armando Paparo vicepresidente e Santo Carnazzo segretario. Gli altri consiglieri espressi dalle organizzazioni di volontariato sono Carmelo Bianchini, Antonino Bonina, Lorenzo Colaleo, Vincenzo Guarasci, Paolo Santoro.

Le nuove cariche sono state assegnate alla vigilia di profonde trasformazioni che interesseranno i Centri di Servizio per il Volontariato, a seguito dell’approvazione della legge che cambierà radicalmente ill Terzo Settore. «Proseguo l’impegno consapevole delle difficoltà che ci attendono – dice Salvo Raffa – in forza di una riforma che da qui a breve potrà cambiare il nostro modo di pensare, gestire ed organizzare lo stesso Centro. Sarà un’ulteriore sfida, politica ma non solo, che speriamo possa essere affrontata nel miglior modo possibile e che richiede più che mai l’aiuto ed il contributo di tutti».

«Ringrazio tutti i consiglieri per la nuova fiducia accordata; riprendiamo il percorso insieme facendo tesoro e memoria dell’esperienza sin qui svolta, valorizzando gli aspetti positivi e cercando di risolvere ogni problema o criticità. Quello di queste settimane – conclude il presidente – sarà un periodo di ascolto, verifica e programmazione, con l’obiettivo di mettere il CSVE nelle condizioni di servire al meglio il volontariato, indipendentemente dal ruolo e dall’assetto che la legge gli assegnerà».

All’assemblea elettiva, svoltasi nella Casa del Volontariato di Librino dove si è riunito anche il Consiglio, hanno partecipato quasi 200 associazioni delle quattro province servite dal Csve: Catania, Enna, Ragusa e Siracusa. La nuova presidenza ha fatto sapere che nel prossimo Direttivo, da convocare a settembre, saranno assegnate altre deleghe ai consiglieri, oltre a quelle statutarie, con l’obiettivo di migliorare il funzionamento del CSVE e rispondere più efficacemente ai bisogni delle associazioni, tanto più in una fase di trasformazione come quella attuale.

- Domenica, 30 Luglio 2017 23:07

CSVE • Incontro a SR

Spett.li Associazioni di Siracusa e provincia,

Dall'1 al 30 Settembre è possibile presentare l’istanza per l’iscrizione  al registro regionale del volontariato per le organizzazioni di volontariato L.R. 22/94, costituite da almeno sei mesi (L. 266/91).

Si ricorda che ai sensi del Decreto Assessoriale - D.A. n. 1320 del 07/06/16  farà fede la data di arrivo al Dipartimento della Famiglia, pena l’irricevibilità dell'istanza stessa (non fa fede il timbro postale).

A tal proposito  il CSVE organizza per le Associazioni di Siracusa e provincia il seguente incontro :

- Lunedì 11 settembre presso la Parrocchia della Sacra Famiglia, sita in Viale dei Comuni n. 14 - Siracusa, alle ore 17.00 

Cordiali saluti

Il CSVE 

Segui il CSVEtneo

Questo sito utilizza cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.