Centro di Servizio per il Volontariato Etneo - La valutazione come strumento di miglioramento

Un'occasione di riflessione sulle attività  svolte e sulle strategie adottate, utile per capire come migliorare l'efficacia degli interventi realizzati. Questo lo scopo, pienamente raggiunto, del convegno "Il sistema di valutazione del CSVE: risultati e sviluppi", organizzato dal Centro di Servizio per il Volontariato Etneo in collaborazione con il GOT  Centro di Ricerca Sviluppo Territoriale dell'Università  degli Studi di Catania, svoltosi al Palazzo delle Scienze del Dipartimento di Economia e Impresa, alla presenza di quasi duecento volontari delle province di Catania, Enna, Ragusa e Siracusa e di responsabili di altri Centri di Servizio.

Dopo i saluti del prof. Santo Carnazzo, senatore accademico e consigliere del CSVE, il convegno ha visto l'intervento introduttivo del direttore del CSVE, Sonia Longo, che ha spiegato la decisione di avviare la collaborazione con il GOT dell'Università al fine di perfezionare il sistema di valutazione, fino ad allora solamente a uso "interno": «Per organizzazioni come la nostra, la valutazione non dev'essere considerata un lusso, ma un investimento che porta frutto e consente di migliorare i servizi offerti alle organizzazioni di volontariato», ha detto Longo. Mentre il prof. Pierluigi Catalfo (Università  di Catania) ha approfondito l'aspetto della rendicontazione sociale e il sistema informativo, i proff. Angelo Mazza (Università  di Catania) e la prof.ssa Jennifer Johnson (Università  della Virginia) hanno illustrato la "Social Network Analysis", metodologia che descrive i collegamenti tra le associazioni e la misura in cui ciascuna associazione è¨ "incorporata" nella rete, che è¨ stato applicato alle organizzazioni di volontariato della provincia di Enna e della Virginia: in sostanza, le associazioni dei due territori sono state esaminate attraverso lo stesso strumento d'indagine.
Dagli interventi sulla "Customer Satisfaction Analysis. Esiti attesi: obiettivi perseguiti dal CSVE nel triennio 2010-2013 ed evoluzione dei metodi di indagine", a cura dei proff. Benedetto Matarazzo, Salvatore Greco, Silvia Angilella, del dott. Salvatore Corrente e di Angela Litteri (Università  degli Studi di Catania), sono emersi dati interessanti sull'attività  del CSVE, sviluppati attraverso il metodo dell'analisi multicriteriale. Rispetto alle rilevazioni effettuate nel 2010, infatti, nel 2011 la Customer Satisfaction Analysis ha registrato un aumento della numerosità  del campione coinvolto e una crescita della soddisfazione dei servizi; inoltre, i questionari cartacei sono stati sostituiti da una piattaforma telematica che ha reso più immediato e gestibile l'inserimento dei dati da parte degli utenti. Gli esiti attesi consistono nell'incremento del numero dei volontari all'interno delle associazioni, nella capacità  progettuale delle Odv e nell'incremento della partecipazione delle Odv all’interno dei tavoli della politica sociale: obiettivi il cui raggiungimento sarà costantemente monitorato.
«Il nostro Centro ha avuto il merito di affidarsi alla qualificata esperienza universitaria  ha  detto il vicepresidente del CSVE Salvatore Raffa, concludendo i lavori e questo, oltre a fornirci validi strumenti di valutazione, ci responsabilizza per il futuro».

Top
Questo sito utilizza cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi informativa…