Centro di Servizio per il Volontariato Etneo - Misure penali di comunità: in Sicilia si punta su volontariato e Csv

Stanno vivendo una crescita molto forte in Sicilia le misure penali non detentive e la prospettiva della “giustizia riparativa”. Stiamo parlando dell’insieme di provvedimenti alternativi al carcere o al processo: quelli esistenti da tempo, come gli arresti domiciliari, la semilibertà o l’affidamento ai servizi sociali; e quelle istituite con la legge 67 del 2014, che ha previsto la “messa alla prova” per gli autori di reati di minor allarme sociale (come la guida senza patente o sotto l’effetto di droghe). Nei primi 9 mesi di quest’anno tali misure riguardavano nell’isola quasi 11mila persone. Di queste, poco meno di 3.800 erano interessate proprio dalla messa alla prova, in genere per lo svolgimento di “lavori di pubblica utilità” di varia durata... 

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO PUBBLICATO SU VITA.IT

Top
Questo sito utilizza cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi informativa…