Centro di Servizio per il Volontariato Etneo - “Cuore generoso”: così istituzioni, terzo settore e mercati agroalimentari muteranno sprechi in risorse

“Cuore generoso”: così istituzioni, terzo settore e mercati agroalimentari muteranno sprechi in risorse 

 

Ridurre i rifiuti all’interno dei mercati ortofrutticoli, nello specifico i MAAS (Mercati Agro-Alimentari Sicilia S.C.p.A.), e destinare l’invenduto a rischio di deperibilità verso le fasce di popolazione socialmente deboli: si chiama “Cuore Generoso”, il protocollo d’intesa sottoscritto anche dal Centro di Servizio per il Volontariato Etneo insieme alla stessaSocietà Consortile Mercati Agro-Alimentari Sicilia, alla Regione siciliana,alla Città metropolitana di Catania,al Comune di Catania, all’A.S.P. di Catania,con l’adesione di importantiEnti del Terzo Settore come il Banco Alimentare Sicilia Onlus, la Comunità di Sant'Egidio, il Circolo Don Luigi Sturzo, la Caritas Diocesana Catania eLocanda del Samaritano.L’accordo viene volutamente sottoscritto in occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (SEER), che ha indotto istituzioni ed enti coinvolti, grazie a una convergenza di idee, a una straordinaria collaborazione per ottimizzare l’utilizzo dei prodotti  alimentari invenduti, ed evitare che diventino rifiuti. In particolare, l’attenzione sarà rivolta alle giacenze giornaliere del settore ortofrutta e ittico del Mercato Agroalimentare di Catania.  

 

“Cuore Generoso” ha previsto l’importante firma dell’accordo nella mattinata dello scorso sabato 23 novembre al Maas di Catania: sarà possibile non solo ridurre lo spreco e tradurre in risorsa le eccedenze delle merci a fini sociali, ma anche favorire azioni di sensibilizzazione su come conferire correttamente l’umido. Queste le principali prerogative della campagna di comunicazione ambientale su cui si fonda l’azione che prevede il riutilizzo dei prodotti “freschi” e invenduti, da donare alle associazioni che si occupano della fornitura pasti per le fasce più deboli. Nella mattinata interessata, sono intervenuti Fabio Cantarella, assessore all’Ecologia e delegato del Sindaco di Catania, Salvatore Raciti, comandante della Polizia provinciale della Città metropolitana di Catania, Salvatore Cocina, dirigente generale Dipartimento Acqua e Rifiuti, della Regione siciliana e componente del Comitato nazionale promotore della SERR, Maurizio Lanza, direttore generale ASP Catania, Emanuele Zappìa, presidente Maas e Salvatore Raffa, presidente del Csve, moderati dal giornalista Gaetano Giuseppe Russo, referente per la comunicazione D.A.R. Regione Sicilia. 

 

I firmatari del protocollosi impegnano ad attenersi a quanto specificato nel documento siglato, ciascuno secondo le proprie competenze. E’ prevista anche la divulgazione di un manuale di corretta prassi per far si che la distribuzione delle derrate alimentari avvenga in sicurezza e nel rispetto delle corrette procedure igienico – sanitarie. Gli operatori mercatalipotranno usufruire dello sgravio fiscale previsto dalla Legge 166/16 (Legge Gadda), nonché di un ulteriore beneficio sulla T.A.R.I. circa il conferimento differenziato dei rifiuti a soggetti terzi per lo smaltimento. La Città metropolitana di Catania si occuperà di effettuare i controlli sui rifiuti e di diffondere il Protocollo in altre realtà locali della Provincia e della Regione. Il progetto “Cuore Generoso”, è ideato e coordinato da Daniela Scuderi, della Città metropolitana di Catania, in collaborazione con Gaetano Giuseppe Russo, coordinatore azioni SERR per il Dipartimento Acque e Rifiuti della Regione Sicilia. 

Top
Questo sito utilizza cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione, consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi informativa…